Proverbi regionali / Regional proverbs

La sezione si apre con una serie di proverbi dedicati alle venti regioni italiane, qui elencate in ordine alfabetico.
Il modo di dire viene dapprima espresso in dialetto, quindi in lingua italiana e per finire tradotto in lingua inglese.

The section begins with a series of proverbs dedicated to the twenty Italian regions which are listed in alphabetical order.
The proverb is first expressed in dialect, then in Italian and finally translated into English.

1 Abruzzo

La gatta furiosa fa li fii cicate
La gatta frettolosa fa i figli ciechi
The hurried cat produced blind kittens. (Haste makes waste)

Chi ti vo bbene chiù di mamme, nghi li chiacchiere t’inganne
Chi ti vuol bene più di mamma, con le chiacchiere ti inganna
Someone who loves you more than mom deceives you with the chatter

2. Basilicata

Ddò magnen sinche magnen sei
Nel posto dove mangiano cinque trovano cibo anche sei
Where five people eat even six people find food

Fa bbene e scordat’,fà mal’ e arr’ordat’
Fai del bene e scordalo, se fai del male sta in guardia
Forget the good you have done but if you hurt someone you must be careful

3. Calabria

L’acqua ‘mbivuta la matina e’ i medicina
L’acqua bevuta la mattina è una medicina
The water you drink in the morning is a medicine

Se vòi campari sanizzu doppu chi mangi riposati ‘nu morzu
Se vuoi vivere sano, dopo mangiato riposati un poco
If you want to live healthy you have to rest a bit after eating

4. Campania

Ogni scarrafone è bello a mamma soia
Ogni scarafaggio è bello per la propria madre
Every cockroach looks beautiful to his own mother

‘A scôpa nôva monna bene ‘a casa
La scopa nuova pulisce bene la casa
A new broom sweeps clean

5. Emilia Romagna

Chia doram an ciapa brisa i pes
Chi dorme non prende i pesci
Someone who sleeps doesn’t catch fishes. (The early bird catches the worm)

Chi a i dint in’a e poen, chi a e poen in a i dint
Chi ha i denti non ha il pane, chi ha il pane non ha i denti
Those who have teeth have no bread, those who have bread have no teeth

6. Friuli Venezia Giulia

L’usel in gabia canta de passion o de rabia
L’uccello in gabbia canta di passione o di rabbia
The bird in the cage sings for love or anger

Mejo un ovo ogi che ‘ na galina doman
Meglio un uovo oggi che una gallina domani
It’s better an egg today than a hen tomorrow

7. Lazio

Chi magna da solo se strozza
Chi mangia da solo soffoca
Someone who eats alone chokes

Dimme co’ chi vai che te dirò chi sei
Dimmi chi viene con te e ti dirò che tipo sei
Show me your company and I’ll show you who you are

8. Liguria

L’è mêgio un dô de stacca che un dô de chêu
E’ meglio un dolore di tasca che un dolore di cuore
A pain in the pocket is better than a pain in the heart

O pescio grosso o mangia o piccin
Il pesce grosso mangia il pesce piccolo
Big fish eats little fish

9. Lombardia/Lombardy

Chi feriss de curtell de curtell el periss
Chi ferisce di coltello di coltello perisce
Those who wound with the knife will die because of the knife

Fa quel che te dev fàa e lassa i alter a sbragiàa
Fa quel che devi fare e lascia gli altri a brontolare
Do what you have to do and let other people grumble

10. Marche

Quand lu cuorp stà bè, l’anema canta
Quando il corpo sta bene, l’anima canta
When the body is fine the soul sings

Chi biell vo comparì qualche dolor a da patì
Chi bella vuole comparire qualche dolore deve soffrire
People who want to look beutiful have to suffer some pain

11. Molise

Chi troppe vo, nejende stregne
Chi troppo vuole, nulla stringe
Those who want too much don’t get anything. (Grasp all, lose all)

U fesse parle sembe
Lo sciocco parla sempre
The foolish person always talks

12. Piemonte/Piedmont

Can cu boia , un morda
Can che abbaia non morde
Barking dogs seldom bite

La galina ca pita pa, le perché la già pità
……La gallina che non becca è perché ha già beccato
When the hen doesn’t peck it means that the hen has already caught

13. Puglia

Ci se vanta sulu nu mbale nu pasulu
Chi si vanta da solo non vale un fagiolo
Those who boast alone are not worth a bean

L’erva trista nu mmore mai
L’erba cattiva non muore mai
The bad grass never dies (A bad penny always turns up)

14. Sardegna/Sardinia

Chie achete dai solu achete po trese
Chi fa da sé fa per tre
One who does by itself makes for three people (If you want a thing well done do it
yourself)

Chie seminada bentu incunzada tempesta
Chi semina vento raccoglie tempesta
Sow the wind and reap the whirlwind

15. Sicilia/Sicily

Se vuoi giuvari i figgi, prima dà esempi e poi consigli
Se vuoi giovare ai figli, prima dà esempi e poi consigli
If you want to be helpful to your children give them examples first and then advices

A fortuna sa va lassare sempre a porta aperta
Alla fortuna bisogna lasciare la porta aperta
We have to leave the door open to fortune

16. Toscana/Tuscany

Senza lilleri, nun si lallera
Chi non ha soldi non può comprare niente
Those without money cannot buy anything

Nelle botti piccine c’è er vino bono
Nelle botti piccole c’è il vino buono
The small barrel contains the best wine (Good things come in small packages)

17. Trentino Alto Adige

La salute no ghe bezzi che la paga
La salute non si compera con i soldi
Health cannot be bought with money

Beata chela ca’ che de vecio la ghen sa
Beata quella casa che ha la sapienza dei vecchi
The house that has the wisdom of old men is blessed

18. Umbria

Auzza cavaji mia che l’erba cresce
Campa cavallo mio che l’erba cresce
While grass grows the horse starves

Chi gioca al lotto e spera de vince, se leva li stracci e se mette li cinci
Chi gioca al lotto e spera di vincere, si toglie gli stracci e si mette i cenci
Those who play the lottery and hope to win take off their poor clothes and wear rags

19. Valle d’Aosta

Travail bien invionné meitso travonné
Lavoro ben iniziato è già metà finito
Well begun is half done

Quoiseuné bon, qui pout; fére propro, qui vout
Cucina buono chi può; fa pulito chi vuole
Those who can cook well, those who want make clean

20. Veneto

Chi varda la luna nol ghen suna
Chi guarda la luna non prende nulla
One who looks at the moon doesn’t take anything

A meio cura par un malà a se quea del coraio chel se dà
La miglior cura per un malato è quella del coraggio che si dà
The best cure for a patient is to encourage him

BIBLIOGRAFIA/BIBLIOGRAPHY

Maroni Lumbroso Matizia (a cura di), 1971, Proverbi e modi di dire (trascritti e illustrati da bambini italiani e stranieri), Roma, Fondazione Ernesta Besso

www.dialettando.com

 

« XV Concorso “RICAMARE L’UMBRIA” / XV Competition “EMBROIDER UMBRIA”
Ricette storiche / Historical recipes »